La Penna Zen. Il Manifesto


Un blog dedicato alla scrittura e alla lettura, questo è La Penna Zen. Un luogo virtuale in cui parlare di questi argomenti che rappresentano da sempre un vero e proprio macrocosmo artistico.
Il nome nasce dall’unione di due termini, lo strumento più famoso per scrivere (ma non il solo, lo sappiamo bene noi che viviamo nell’era digitale) e la tradizione Zen che è sinonimo di calma, imperturbabilità, ma anche forza interiore, carattere, impegno quotidiano, costante, dunque privo di distrazioni, nel raggiungimento di obiettivi elevati, non solo spirituali.
Vi sembra strano questo accostamento? Pensateci: oggi viviamo in un’epoca frenetica, basata su una quantità enorme di stimoli e informazioni, spesso su una distorta visione dell’ambizione e del successo, che privilegia l’immagine, l’apparenza, la quantità e la velocità.
Eppure la scrittura (e la lettura, per me non esiste uno senza l’altra) è tutto il contrario, un elemento che dovrebbe essere parte integrante della nostra vita quotidiana tanto quanto i computer (e per molti è già così). Non a caso il sottotitolo del blog è proprio “La scrittura applicata alla vita quotidiana”.
Scrivere un diario o un romanzo, leggere un saggio o una biografia sono solo alcuni esempi di processi lenti, che richiedono riflessione e tempo, ma anche di come lettura e scrittura possano aiutarci a crescere, a maturare emotivamente, mescolandosi con la nostra stessa linfa vitale, ogni giorno.
Non è necessario essere scrittori per provare tutto questo; basta avere passione. Per questo motivo La Penna Zen non si rivolge solo agli autori o aspiranti tali, ma a chiunque ami leggere e scrivere.
Del resto credo che scrivere non sia mai un semplice hobby, anche se può apparire come tale; si tratta di un atto profondo e consapevole, radicato nelle nostre esperienze, frutto dei nostri pensieri, un mondo affascinante e da esplorare senza pretendere di mettersi in cattedra, ma con la volontà di sperimentare, conoscere, formarsi delle opinioni che evolvono nel tempo.
Allo stesso modo leggere non è quasi mai solo un divertente e/o istruttivo passatempo, ma molto di più. E’ un modo per imparare dalle vite degli altri, divenire consci della nostra esistenza e di ciò che siamo e vogliamo diventare.
Insomma, in entrambi i casi abbiamo a che fare con la formazione del carattere, della personalità, la nostra crescita personale, appunto. Alcuni libri lasciano un segno indelebile dentro di noi: leggerli significa compiere una sorta di “rito d’iniziazione” attraverso il quale scopriamo la vita.
Di solito siamo abituati a leggere romanzi, saggi racconti nella nostra lingua madre. Nella realtà odierna, però, conoscere bene anche le lingue straniere è necessario e due delle abilità richieste in tal senso sono la lettura e la scrittura (non tralasciamo, però, lo scopo principale dell’apprendimento linguistico, comunicare, ovvero ascoltare e parlare un idioma).
Per questo, da arabista e da amante dello studio delle lingue, ho pensato di inserire una sezione apposita nel blog in cui analizzare gli studi sull’apprendimento linguistico e i benefici che da esso derivano.
Infine al blog La Penna Zen ne verrà affiancato un altro, in preparazione e parallelo a questo, in cui potrete trovare notizie sulla mia attività di autrice, una sorta di diario in cui parlerò delle mie storie, dei personaggi, di ciò che mi colpisce, spingendomi a scrivere e a creare. 
Chi sono
Mi chiamo Francesca Rossi, sono un’arabista, una blogger e una scrittrice esordiente appassionata di scrittura, lettura, apprendimento linguistico e crescita personale. Per saperne di più su di me potete leggere la mia bio.
I benefici della scrittura e della lettura li sperimento ogni giorno in prima persona, come tutti voi che non potete vivere senza libri e proprio con voi vorrei condividere idee, teorie, riflessioni e gli studi scientifici in materia.
Credo non esista un solo modo di “fare letteratura”, di scrivere quindi, o di avvicinarsi ai libri. Le regole devono essere accompagnate e sostenute dalla creatività in grado, talvolta, di rompere gli schemi, “ribellarsi”, per usare un termine più forte, a ciò che è già costituito per dar vita alla novità.
Non dico nulla di strano: molti grandi capolavori, letterari e non solo, sono nati proprio così. A ben pensarci leggere e scrivere sono già azioni coraggiose, di ribellione in senso più ampio, di regole apprese bene e stravolte al momento giusto, unione perfetta di ordine e caos (proprio come gli esseri umani i quali, però, perfetti non sono proprio).
Anche per questo ho creato La Penna Zen, per parlare della scrittura e delle sue norme, ma anche di quelli che le hanno sapute infrangere, addentrandosi in strade non ancora percorse con grande forza di volontà e tralasciando pregiudizi e convenzioni.
Alcune precisazioni
Questo blog non ha nulla a che vedere con tecniche e teorie riguardanti il karma, le visualizzazioni, i guru e via di questo passo; lo scopo è scoprire e capire quanto di buono e di concreto possono regalarci la lettura e la scrittura.
Chiunque è benvenuto, purché sia un appassionato di questi argomenti e rispetti le regole della buona educazione e del buon gusto.
A questo punto è doveroso fare alcune precisazioni:
1) I libri e gli autori di cui si parla in questo blog sono scelti da me, in base alla mia esperienza, ma i suggerimenti dei lettori sono sempre graditissimi purché attinenti agli argomenti trattati.
2) La Penna Zen non accetta libri da recensire, né collabora con le case editrici. Per questo esistono delle sezioni apposite negli altri miei blog, La Mano di Fatima e Divine Ribelli, secondo i rispettivi regolamenti.
3) Saranno rimossi, a insindacabile giudizio dell’amministratrice del blog, tutti i commenti ritenuti offensivi, diffamatori, lesivi di persone, religioni, istituzioni, di materiale protetto da copyright e che contengano pubblicità ad attività commerciali.
4) Come chiarito nel Disclaimer questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può, quindi, essere considerato una testata giornalistica.
5) Tutti gli articoli sono scritti dall’amministratrice del blog, Francesca Rossi e sono da ritenersi come semplici opinioni personali. Qualora si volessero citare su altri siti passaggi di articoli o articoli interi, si prega di contattare l’autrice e di segnalare la fonte.
Infine vi segnalo la pagina Facebook dedicata a "La Penna Zen" in cui verranno presentati tutti gli articoli.

Buona lettura!

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email